Con l’evoluzione dei tempi moderni servono nuove soluzioni per proteggere i dati. Le minacce agli asset digitali aumentano ogni giorno più numerose e per questo occorre aggiornare i sistemi di ripristino e conservazione dei dati.

Le soluzioni di backup tradizionali soffrono di diversi punti deboli e faticano a tenere il passo con le sfide dei nuovi attacchi informatici. I sistemi classici sono spesso troppo complessi da gestire, hanno una superficie d’attacco estesa, i backup risultano vulnerabili e facilmente raggiungibili dalla rete. Inoltre, i tempi di recupero in caso di disastro non sono prevedibili.

Per risolvere i problemi delle vecchie soluzioni di backup occorre passare a un sistema di iperconvergenza secondaria. Si tratta di un’infrastruttura iperconvergente sviluppata seguendo lo stesso concetto di quella primaria che però si adatta a carichi di lavoro e dati secondari. Il sistema gestisce la Data Protection e il Disaster Recovery per le copie dei dati, slegandole dagli storage e dalla virtualizzazione primari.

HYPER Echo di Syneto sfrutta i vantaggi dell’iperconvergenza per proteggere le copie dei dati e del sistema. La virtualizzazione dei diversi elementi, caratteristica propria dei sistemi iperconvergenti, garantisce più sicurezza e costi minori, facilitando la gestione delle risorse.

HYPER Echo: da Syneto il sistema di iperconvergenza secondaria

HYPER Echo, l’ultimo dei prodotti Syneto, è la soluzione per proteggere e gestire i dati delle infrastrutture VMware. La piattaforma unisce il software SynetoOS ad hardware di ultima generazione per gestire il ciclo di vita dei dati secondari, eliminando i punti deboli delle normali soluzioni di backup.

La soluzione si concretizza in un sistema plug and play che offre diversi modelli con capacità molto varie. Grazie a queste caratteristiche il prodotto permette di scalare orizzontalmente e verticalmente, in base alle esigenze dell’impresa. Il fatto che il sistema sia staccato da quello primario lo rende più sicuro ed efficiente.

Il prodotto di Syneto crea dei punti di ripristino immutabili e indipendenti tra loro replicando gli snapshot delle infrastrutture VMware. In questo modo, il recupero dei dati di una macchina virtuale avviene in meno di un minuto; HYPER Echo è inoltre in grado di recuperare il singolo file da qualsiasi punto di ripristino della VM.

I punti di ripristino rappresentano un’immagine full&ready del sistema, pronta per andare in produzione senza il rischio di perdere dati. Rispetto alla catena tradizionale di recovery point, dove sono dipendenti da quelli precedenti, i tempi di recupero sono molto inferiori.

Le soluzioni di backup classiche hanno bisogno che lo storage sia visibile in rete e questo costituisce un punto di vulnerabilità per il sistema in quanto un attaccante esterno potrebbe accedere ai dati copiati. L’architettura di HYPER Echo introduce e sfrutta invece il concetto di “Logical air-gap”: lo storage dove vengono mantenuti i dati non ha accessi standard in rete. HYPER Echo sfrutta inoltre la tecnologia hidden physical storage per nascondere lo storage fisico e impedisce a VMware (ma soprattutto ai crimiali) di accedervi.

Il prodotto di Syneto ottiene i dati scaricandoli direttamente dal sistema ed è l’unico a comunicare con lo storage secondario. Nei sistemi classici, al contrario, ci si aspetta che sia l’infrastruttura primaria a inviare i dati al backup, creando pericolose vie d’accesso per gli attaccanti.

Desideri conseguire la protezione dei dati con una delle soluzioni Syneto? In qualità di partner certificato, Ispiro.tech possiamo fornirti maggiori informazioni. Per saperne di più, non esitare a contattarci!